Vietato fumare in 20 spiagge della Thailandia

Vietato fumare in 20 spiagge della Thailandia

 

Ora il fumo è bandito in 20 tra le più belle spiagge della Thailandia. Questa è una delle misure per incentivare il turismo sostenibile nel Paese. Il divieto diventerà esecutivo a novembre 2017 nelle spiagge delle province di: Phuket (Patong), Suart Thani (Bo Phut a Koh Samui), Krabi (Phra Ae, Khlong Dao a Koh Lanta), Chon Buri (Bang Saen, Pattaya, Tam Pang a Koh Si Chang), Prachuap Khiri Khan, Phetchaburi, Phang-nga (Koh Khai Nok, Koh Khai Nai a Koh Yao), Songkhla (Chalatas), Pattani (Tha Wa Sukri), Rayong (Mae Phim), Chanthaburi (Laem Sing), Chumphon (Sai Ri).

 

Il responsabile del TAT (Tourism Authority of Thailand), il Sig. Yuthasak Supasorn, ha dichiarato: “queste sono tra le più belle spiagge del Sudest asiatico e l’obbiettivo è di mantenerle così”. I fumatori potranno godere di aree dedicate fornite di appositi porta ceneri.

 

L’origine del provvedimento è dovuto principalmente all’eccessiva presenza di cicche di sigaretta sulle spiagge. Il Dipartimento per le Risorse Marine e Costiere ha raccolto migliaia di cicche in tutte le spiagge: 138’000 solo in un tratto dI 2.5 chilometri a Patong Beach (Phuket).

 

In caso di violazione del divieto, i contravventori dovranno pagare fino a CHF 3'000.00 di multa, oppure un anno di prigione nel Paese. Nel 2005 la Thailandia è diventata membro della convenzione quadro dell’OMS, Framework Convention on Tobacco Control, per la lotta contro il tabagismo. Da allora il Paese si è distinto nella lotta contro il fumo nei luoghi pubblici.